Perché si realizza l’ICSI e non la FIV convenzionale in donazione di ovociti?

Ci sono vari motivi:

  • La donazione di ovociti ha la particolarità che se non si ha un numero adeguato di ovociti maturi, si può assegnare un’altra donatrice. Nel caso della FIV convenzionale, non dovendo eliminare le cellule che circondano gli ovociti prima della loro inseminazione, non possiamo sapere se questi sono maturi o meno. Cioè, le cellule della granulosa che circondano naturalmente gli ovociti, impediscono di vedere se le caratteristiche morfologiche degli stessi corrispondono ad ovuli maturi. Esiste quindi un rischio di attribuire ovociti di minor qualità e di non ottenere il numero desiderato di embrioni.
  • Con l’ICSI (iniezione spermatica intracitoplasmatica) aumentiamo la percentuale di ovociti fecondati e, quindi, di embrioni disponibili. Si tratta di un processo che, previa eliminazione delle cellule della granulosa che circondano l’ovulo, inietta lo spermatozoo all’interno dell’ovulo. Vale a dire che, sappiamo a priori quanti ovuli sono maturi e, allo stesso tempo, aumentiamo la possibilità che si produca la fertilizzazione introducendo lo spermatozoo all’interno dell’ovulo.
  • L’ICSI ci permette l’uso di sperma congelato con la stessa probabilità di successo dello sperma fresco sempre che la prova di scongelamento dello stesso sia stata soddisfacente. Questa prova di scongelamento si realizzerà qualche giorno dopo la prima visita.

Tornare alle Domande Frequenti